Epidemia polmonite da coronavirus – COVID-10 – 2019-nCoV

A partire dal mese di dicembre 2019 si è registrata una serie di casi di polmonite da coronavirus (2019-nCoV dal 11.02.2020 COVID-19) a Wuhan, Hubei in Cina ed in particolare in persone che erano presenti nell’area del mercato alimentare e ittico. Si ritiene che il paziente zero sia stato infettato il 08.12.2019-
Emergenza24 è stata la prima fonte occidentale a seguire il caso a partire dalle ore 22:40 del 31.12.2019 e continua il monitoraggio su +31 fonti H24. Informazioni sull’influenza.

ULTIMI DATI MONDO
2.710 morti > 80.412 casi accertati

ULTIMI DATI ITALIA
11 morti > 323 casi accertati

(dati aggiornati worldwide ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. Come da standard WHO si intendono nei casi la somma dei malati, dei guariti e dei decessi)

UNIVERSITÀ – Sospensione delle attività didattiche

  • Regione Piemonte > Tutte le università
  • Regione Liguria > Tutte le università (fino 01.03.2020)
  • Regione Lombardia > Tutte le università
  • Regione Veneto > Tutte le Università
  • Regione Friuli Venezia Giulia > Università di Trieste (fino 01.03.2020)
  • Regione Emilia Romagna > Tutte le Università
  • Marche dal 26.02 Fino 4 marzo

La sospensione, se non diversamente indicato è dal 24 al 29 febbraio 2020

SCUOLE – Sospensione delle attività didattiche

  • Regione Piemonte > Tutte le scuole
  • Regione Liguria > Tutte le scuole (fino 01.03.2020)
  • Regione Lombardia > Tutte le scuole
  • Regione Veneto > Tutte le scuole
  • Regione Friuli Venezia Giulia > Tutte le scuole
  • Regione Emilia Romagna > Piacenza tutte le scuole (fino 01.03.2020 compreso)
  • Marche dal 26.02 Fino 4 marzo

La sospensione, se non diversamente indicato è dal 24 al 29 febbraio 2020

INDICAZIONI DEL MINISTERO DELLA SALUTE

CRONOLOGIA INVERSA

25.02.2020 – 19:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

25.02.2020 – 19:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

25.02.2020 – 01:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

25.02.2020 – 00:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

25.02.2020 – 00:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 23:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 14:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 13:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

24.02.2020 – 13:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 12:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

 

24.02.2020 – 12:00 – Il Direttore del Dipartimento di Protezione Civile Angelo Borrelli ha aggiornato la situazione dichiarando che in Italia i contagiati sono 219 compresi 5 morti ed 1 guarito. L’ultimo decesso a Caselle Landi in provincia di Lodi (Lombardia).
In particolare:

  • Lombardia: 167 casi di cui 163 positivi e 4 morti
  • Veneto 26 positivi e 1 morto
  • Emilia Romagna 18 contagiati
  • Piemonte 4 casi (2 sono stati esclusi da successive verifiche)
  • Lazio 3 positivi di cui uno dimesso

Ci sono:

  • 99 ricoverati con sintomi
  • 23 in terapia intensiva
  • 91 in isolamento domiciliare

24.02.2020 – 10:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

24.02.2020 – 10:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 06:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 01:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

24.02.2020 – 00:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

24.02.2020 – 00:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

 

23.02.2020 – 23:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

23.02.2020 – 23:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 22:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 21:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 20:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 20:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente.

 

23.02.2020 – 19:40 – Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, ha dichiarato che i 6 casi di positività al coronavirus sono ora ridotti a 3 dopo verifiche più approfondite.

23.02.2020 – 19:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 18:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 17:40 – Un decesso a Crema. Si tratta di una donna ricoverata in oncologia e positiva al test del coronavirus. L’assessore della Regione Lombardia al Welfare Giulio Gallera ha dichiarato di considerare questo come un decesso in relazione all’epidemia di coronavirus.

23.02.2020 – 17:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 16:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 15:30 – Il Pakistan ha comunicato la chiusura precauzionale del confine con l’Iran.

23.02.2020 – 15:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 14:00 – Regione Veneto: attivo numero verde regionale 800462340 per informazioni su infezione da coronavirus. Le persone che temono di essere entrate in contatto con soggetti infetti, ma che non hanno alcun sintomo o che presentano sintomi lievi come febbre e/o tosse senza difficoltà respiratoria, non devono chiamare il 118 e non devono recarsi in ospedale ma devono rivolgersi al numero verde 800462340. Chiamare il 118 in caso di difficoltà respiratoria.

23.02.2020 – 14:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 13:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 12:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

23.02.2020 – 01:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi ad esclusione dell’Italia dove i dimessi e/o guariti sono tolti dal conteggio.

23.02.2020 – 00:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

22.02.2020 – 23:30 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

22.01.2020 – 23:10 – Il Capo Dipartimento della Protezione Civile informa che sono 76 i casi in 5 regioni. Il dato è così formato: 76 casi conclamati a cui si aggiungono 2 decessi e 1 persona dimessa dallo Spalanzani. Il totale è quindi di 79 casi. Da questo momento, per allineare tutte le fonti si farà riferimento ai 76  casi.

21.02.2020 – 23:00 – Il numero totale dei casi diagnosticati è di 67 compresi 2 decessi.

  • Lombardia: 47 casi (dal 21.02.2020)
  • Veneto: 15 casi (dal 21.02.2020)
  • Piemonte: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 3 casi (dal 31.01.2020)

21.02.2020 – 22:00 – Il numero totale dei casi diagnosticati è di 64 compresi 2 decessi.

  • Lombardia: 47 casi (dal 21.02.2020)
  • Veneto: 12* casi (dal 21.02.2020)
  • Piemonte: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 3 casi (dal 31.01.2020)

* Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha dichiarato che i casi sono 12 comprendendo anche la persona deceduta il 22.02.2020. Alcuni media la escludono e portando il totale a 11.

21.02.2020 – 21:00 – Il numero totale dei casi diagnosticati è di 64 compresi 2 decessi.

  • Lombardia: 47 casi (dal 21.02.2020)
  • Veneto: 12* casi (dal 21.02.2020)
  • Piemonte: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 3 casi (dal 31.01.2020)

* Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha dichiarato che i casi sono 12 comprendendo anche la persona deceduta il 22.02.2020. Alcuni media la escludono e portando il totale a 11.

21.02.2020 – 20:00 – Il numero totale dei casi diagnosticati è di 64 compresi 2 decessi.

  • Lombardia: 47 casi (dal 21.02.2020)
  • Veneto: 12* casi (dal 21.02.2020)
  • Piemonte: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 1 caso (dal 22.02.2020)
  • Lazio: 3 casi (dal 31.01.2020)

* Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha dichiarato che i casi sono 12 comprendendo anche la persona deceduta il 22.02.2020. Alcuni media la escludono e portando il totale a 11.

22.02.2020 – 19:00 – CHIUSE UNIVERSITÀ LOMBARDIA – Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo e Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Lombarde, ha comunicato che le università della Lombardia saranno chiuse dal 24 al 29 febbraio.

22.02.2020 – 18:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

22.02.2020 – 18:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

22.02.2020 – 17:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

22.02.2020 – 17:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

22.02.2020 – 16:30 – Allestite delle tende riscaldate davanti all’Ospedale di Schiavonia in provincia di Padova da parte della Protezione Civile.

22.02.2020 – 16:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

22.02.2020 – 15:20 – Segnalato un nuovo caso confermato a Torino all’Ospedale Amedeo di Savoia a Torino

22.02.2020 – 15:00 – Aggiornamento dei casi in Italia dall’inizio dell’epidemia ad ora.

22.02.2020 – 15:00 – Il Governatore del Veneto Luca Zaia ha comunicato “Rispetto a chiusure di strade e confinamenti, ne abbiamo parlato questa mattina e stiamo elaborando delle linee guida in maniera tale che ci sia un approccio uniforme, anche perché non sappiamo nei prossimi giorni quale sarà l’evoluzione. Nel frattempo i rettori di tutte le Università del Veneto comunicano che la prossima settimana le Università saranno chiuse. Quindi non ci saranno lezioni e gli esami verranno spostati di una settimana

22.02.2020 – 15:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

22.02.2020 – 12:30 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

22.02.2020 – 10:50 – Secondo decesso in Italia. Si tratta di una donna di Casalpusterlengo  di 77 anni ed è morta in casa.

22.02.2020 – 03:00 – Impennata dei casi in Corea del Sud. Sono segnalati +346 casi nel paese. Sono segnalati 2 decessi. In corso verifiche su altre migliaia di persone.

21.02.2020 – 02:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a 2.360 morti e +77.673 casi accertati. A partire dal 20.02.2020 il Ministero della Salute Cinese ha modificato ulteriormente il metodo di calcolo rendendo di fatto complicato, se non impossibile, seguire il reale andamento dell’epidemia.
Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

===============  RICERCA ===================

21.02.2020 – 23:20 – Uno dei due pazienti ricoverati, un uomo di 77 anni, in Veneto è deceduto. Si tratta del primo morto per conseguenze da coronavirus in Italia. Il bilancio attuale è di

  • Lombardia: 15 casi (di cui 5 sanitari) > dal 20.02.2020
  • Veneto 1 caso > dal 21.02.2020
  • Lazio: 3 casi  > dal 30.01.2020
  • Veneto: 1 morto (caso del 21.02.2020)

21.02.2020 – 23:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

21.02.2020 – 22:48 – Di nuovo on line il sito del Ministero della Salute. Era down dalle 19:00

 21.02.2020 – 22:36 – Il TG1 posta che finalmente i passeggeri possono scendere. Vedi nostra nota del 21.02.2020 ore 22:30

21.02.2020 – 22:30 – Il TG1 pubblica in Twitter il video di un giornalista fermo a Lecce sul treno Lecce-Roma per un presunto caso di coronavirus. La notizia era già stata smentita alle 22:00 dal Messaggero.

21.02.2020 – 22:00 – Il sito del Ministero della Salute (salute.gov.it) è down dalle ore 19:00

21.02.2020 – 21:00 – Sono complessivamente 19 i casi di coronavirus in Italia

  • Lombardia: 14 casi (di cui 5 sanitari) > dal 20.02.2020
  • Veneto 2 casi > dal 21.02.2020
  • Lazio: 3 casi  > dal 30.01.2020

21.02.2020 – 20:30 – ASL Piacenza ha attivato il numero 0523 317979 per informazioni ai cittadini dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 18:00 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00. Di fatto con il consueto orario, senza alcuna variazione.

21.02.2020 – 20:00 – Il Governatore del Veneto Luca Zaia ha informato che l’ospedale di Schiavonia in provincia di Padova verrà evacuato e sottoposto a disinfezione. Si stanno facendo test clinici su tutti i dipendenti.

21.02.2020 – 19:30 – Sono in corso verifica su alcune persone di Piacenza che erano venute in contatto con dei pazienti. Dopo un incontro nella Prefettura di Piacenza è stata decisa la chiusura per le scuole e si attende un possibile allargamento anche ad altri luoghi di possibile contatto.

21.02.2020 – 19:10 – Comunicato della Regione del Veneto.

[…] Il laboratorio di riferimento regionale di Padova, che riesce a fornire il risultato del test in sole 3 ore (e si sta lavorando perché tutti gli ospedali Hub della Regione utilizzino lo stesso tipo di test) ha finora effettuato 137 test per la conferma diagnostica, che sono risultati tutti negativi. Finora sono stati ricoverati nei reparti ospedalieri di malattie infettive 9 casi sospetti, riferiti a soggetti che presentavano lieve sintomatologia respiratoria e che rientravano da aree a rischio della Cina. Tutti sono risultati negativi ai test di laboratorio. Come da indicazioni della Circolare Ministeriale, i bambini che frequentano i servizi educativi dell’infanzia e gli studenti fino alla scuola superiore di secondo grado che, nei 14 giorni precedenti il loro arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall’epidemia, sono stati sottoposti ad una sorveglianza sanitaria attiva ed è stata favorita l’adozione della permanenza volontaria fiduciaria a domicilio. Finora i bambini e adulti in isolamento fiduciario sono 77.Più in generale, Le misure adottate dalla Regione hanno previsto l’immediato aggiornamento dei CESP (Comitato di Emergenza di Sanità Pubblica) e GORR (Gruppo operativo a Risposta Rapida) delle Aziende Ulss del Veneto  già istituiti con DGR n. 443 del 10.04.2012  e l’istituzione  con DDR n. 3 del 30.01.2020  di una Task Force regionale composta da rappresentanti delle U.O. Malattie infettive, da Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione, Direttori Servizi Igiene Sanità Pubblica, referenti delle professioni sanitarie per adottare le misure di prevenzione e controllo dell’epidemia in modo organizzato e uniforme sul territorio regionale. Fonte

21.02.2020 – 19:00 – Regione Lombardia – Nuove disposizioni dopo nuovi casi di coronavirus – Comuni nei quali l’Assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ha chiesto ai cittadini di:

  • rimanere in ambito domiciliare
  • evitare contatti sociali
  • non andare al pronto soccorso nel caso in cui si sospetti di avere contratto la malattia

Elenco aggiornato alle 19:00

  • Bertonico
  • Casalpusterlengo
  • Castelgerundo
  • Castiglione d’Adda
  • Codogno
  • Fombio
  • Maleo
  • San Fiorano
  • Somaglia
  • Terranova dei Passerini

21.02.2020 – 18:30 – Sono saliti a 16 i casi di coronavirus in Italia

  • Lombardia: 14 casi (di cui 5 sanitari)
  • Veneto 2 casi (in attesa di conferma)

21.02.2020 – 17:30 – Segnalati due casi sospetti di coronavirus a Vo’ Euganeo in provincia di Padova (68 e 77 anni). Erano stati ricoverati all’Ospedale di Schiavonia (Padova).

21.02.2020 – 17:00 – Trenord informa che “Dando seguito all’ordinanza emessa da Regione Lombardia il 21 febbraio 2020 che al punto 8 indica la “interdizione dei mezzi pubblici” dalla giornata di sabato 22 febbraio i treni non effettueranno fermata nelle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo. In particolare: i treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermeranno a Codogno. Il servizio è sospeso totalmente sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno. A seguito dell’ordinanza inoltre sarà sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo. Il provvedimento sarà in vigore fino a nuova comunicazione da parte dell’autorità.

21.02.2020 – 17:00 – Dati aggiornati a livello globale ad esclusione della Cina che sono riferiti alle 23:00 UTC+1 del giorno precedente. I dati sono accumulativi quindi includono pazienti guariti e dimessi.

21.02.2020 – 00:30 – Un uomo è ricoverato all’ospedale di Codogno, Lodi e sarebbe, dalle dichiarazioni dell’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, positivo al test del coronavirus.

21.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a 2245 morti e +76188 casi accertati. A partire dal 20.02.2020 il Ministero della Salute Cinese ha modificato ulteriormente il metodo di calcolo rendendo di fatto complicato, se non impossibile, seguire il reale andamento dell’epidemia.
Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

20.02.2020 – 12:00 – Sono saliti a +621 i casi di infezione da coronavirus tra passeggeri ed equipaggio che erano a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non era stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone. Al momento dell’inizio dell’epidemia a bordo c’erano 3700 persone tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000). A bordo anche 35 italiani di cui 25 d’equipaggio. Vedi anche nostre note del 05.02.2o20 ore 10:00, e 06.02.2020 ore 05:00, 06.02.2020 ore 12:00, 10.02.2020 ore 12:00, 12.02.2020 ore 01:00, 15.02.2020 ore 06:00

20.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a 2121 morti e +75640 casi accertati.
I casi accertati sono ampiamente sotto la previsione per il terzo cambiamento nel metodo di calcolo da parte del Ministero della Salute Cinese.
Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

19.02.2020 – 23:00Articolo Scientist decries ‘completely chaotic’ conditions on cruise ship Japan quarantined after viral outbreak – (EN)

19.02.2020 – 18:30 – Il Viceministro della Sanità iraniano e portavoce Qasem Janbabaei ha riferito che i due decessi (vedi nota del 19.02.2020 – 12:00) sarebbero in relazione all’epidemia di coronavirus. (vedi note 12.02.2020 alle ore 14:00, 19.02.2020 ore 08:30, 19.02.2020 ore 11:30)

19.02.2020 – 13:00 – Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO) – Coronavirus disease 2019 (COVID-19) – Report del 19.02.2020

19.02.2020 – 11:30 – Il ministero della Sanità iraniano e ha comunicato che ci sono due preliminarmente definiti come attribuibili a coronavirus. (vedi note 12.02.2020 alle ore 14:00, 19.02.2020 ore 08:30)

19.02.2020 – 08:30 – Circolano informazioni in media locali che nella città di Qom (Qum, Qomm) in Iran ci sarebbero due decessi di persone entrambe positive alla ricerca di coronavirus. Per quanto riguarda l’Iran altre informazioni sono disponibile nella nostra nota del 12.02.2020 alle ore 14:00.

19.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +2007 morti e +75129 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

18.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +{in attesa} morti e +{in attesa} casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

17.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +{in attesa} morti e +{in attesa} casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

16.02.2020 – 12:10 – Il Governo Popolare della Provincia di Hubei ha diffuso un comunicato nel quale attiva misure più severe per il contenimento della epidemia. Vieta ingresso e uscita nella provincia, proibisce qualsiasi assembramento e pone l’obbligo per chiunque acquisti prodotti farmaceutici contro la febbre o sintomi simili a quelli dell’influenza di compilare una scheda informatizzata.

16.02.2020 – 04:00 – Aggiornamento sui paesi e relativi decessi. Quelli cinesi sono riferiti alle ore 00:00 di oggi, i rimanenti sono in tempo reale.

  • Cina: 1665 morti
  • Giappone: 1 morto
  • Filippine: 1 morto
  • Francia: 1 morto
  • Hong Kong: 1 morto
  • Taiwan: 1 morto

16.02.2020 – 02:40 – Il primo decesso a Taiwan. Si tratta di un uomo di 62 anni portatore anche di altre gravi patologie.

16.02.2020 – 00:00 – Aggiornamento sui paesi e relativi decessi.

  • Cina: 1663 morti
  • Giappone: 1 morto
  • Filippine: 1 morto
  • Francia: 1 morto

16.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 01:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1666 morti e +69036 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

15.02.2020 – 10:00 – Aggiornamento sui paesi e relativi decessi.

  • Cina: 1520 morti
  • Giappone: 1 morto
  • Filippine: 1 morto
  • Francia: 1 morto

15.02.2020 – 08:00 – Una paziente è deceduta in Francia. Primo caso fuori dall’Asia.

15.02.2020 – 07:40 – Atterrato all’aeroporto di Pratica di Mare, Pomezia, Roma l’aereo militare italiano KC767A che ha evacuato il 17enne ancora bloccato a Wuhan.

15.02.2020 – 06:00 – Sono saliti a +285 i casi di infezione da coronavirus a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non è stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati dei casi sospetti. A bordo anche 35 italiani di cui 25 d’equipaggio. Vedi anche nostre note del 05.02.2o20 ore 10:00, e 06.02.2020 ore 05:00, 06.02.2020 ore 12:00, 10.02.2020 ore 12:00, 12.02.2020 ore 01:00.

15.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 01:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1523 morti e +66887 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

14.05.2020 – 17:00 – Atterrato a Wuhan l’aereo militare italiano KC767A che rimpratrierà il il 17enne ancora bloccato a causa della febbre. L’intera attività avverrà in biocontenimento.

14.02.2020 – 14:00 – Dati aggiornati dal Ministero della Salute di Singapore. Dettagli.

14.02.2020 – 05:45 – Decollato adesso dall’aeroporto di Pratica di Mare, Pomezia, Roma l’aereo militare italiano KC767A che arriverà a Wuhan per rimpratriare il il 17enne ancora bloccato a causa della febbre. L’intera attività avverrà in biocontenimento.

14.02.2020 – 01:00 – Bilancio attualizzato alle 01:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1486 morti e +65213 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

13.02.2020 – 17:00 – La città di Huanggang (circa 7 milioni di abitanti) nella provincia dello Hubei in Cina da questo momento è stata messa in quarantena senza possibilità per le persone di uscire di casa (una sorta di coprifuoco). Vedi nostra nota del 13.02.2020 ore 13:30

13.02.2020 – 17:00 – Aggiornamento delle 17:00 (UTC+1) esclusi i dati del Ministero della Sanità Cinese. In totale (a livello mondiale) i casi confermati sono 60.390 di cui  1.370 morti.

13.02.2020 – 13:30 – La città di Huanggang (circa 7 milioni di abitanti) nella provincia dello Hubei in Cina sarà messa in quarantena senza possibilità per le persone di uscire di casa (una sorta di coprifuoco) dalle 00:00 (GMT+8) del 14.02.2020 ovvero le 17:00 italiane (UTC+1) del 13.02.2020.

13.02.2020 – 08:00 – L’incremento di casi rispetto a ieri (+34% di casi e +22% di morti) sarebbe dovuto al fatto che nella regione di Hubei sono stati inclusi anche i casi diagnosticati clinicamente e non solo quelli che presentano anche sintomi (vedi nota del 07.02.2020). Nelle altre regioni questa metodologia non sarebbe applicata. Questo però non spiega il forte incremento di decessi.

13.02.2020 – 07:00 – Messa in quarantena per epidemia coronavirus l’area di Sơn Lôi, Bình Xuyên District, Provincia di Vinh Phuc in Vietnam

13.02.2020 – 05:00 – Sono saliti a +218 i casi di infezione da coronavirus a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non è stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati dei casi sospetti.  I passeggeri con sintomi sono stati evacuati ed ospedalizzati. Vedi anche nostre note del 05.02.2o20 ore 10:00, e 06.02.2020 ore 05:00, 06.02.2020 ore 12:00, 10.02.2020 ore 12:00, 12.02.2020 ore 20:00

13.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1355 morti e +60061 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

12.02.2020 – 14:00 – Fonti locali riportano il caso di una donna (61 anni) che sarebbe morta a seguito di infezione da Coronavirus CODIV-19 all’ospedale di Teheran in Iran. La notizia è circolata in ambienti ostili all’attuale governo ed è stata smentita dal portavoce del Ministero della Salute Iraniana Kianush Jahanpour che ha dichiarato che non ci sono casi di coronavirus in Iran.

12.02.2020 – 01:00 – Sono saliti a +174 i casi di infezione da coronavirus a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non è stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati dei casi sospetti.  I passeggeri con sintomi sono stati evacuati ed ospedalizzati. Vedi anche nostre note del 05.02.2o20 ore 10:00, e 06.02.2020 ore 05:00, 06.02.2020 ore 12:00, 10.02.2020 ore 12:00.

11.02.2020 – 23:00 – Bilancio attualizzato alle 23:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1.112 morti e +44.754 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

11.02.2020 – 16:10 – L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO/OMS) ha definito il nome del virus in COVID-19). Il cambio di hashtag complicherà, non poco le analisi delle conversazioni sui social.

11.02.2020 – 00:00 – Superato il numero di 1000 morti. Il dato, aggiornato alle 23:30 del 10.02.2020 era di +1013 morti.

10.02.2020 – 23:30 – Bilancio attualizzato alle 23:30 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +1.013 morti e +42.729 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

10.02.2020 – 16:00 – Il Prof. Roberto Burioni ha segnalato che i dati forniti dalla Cina dal 07.02.2020 potrebbero essere meno significativi in quanto sarebbero segnalati come “casi accertati” solo quelli che sono positivi al test e CHE PRESENTANO SINTOMI. Il tutto secondo un articolo scritto da un giornalista e qui trovate le conversazioni.

10.02.2020 – 12:00 – Sono saliti a +136 i casi di infezione da coronavirus a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non è stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati dei casi sospetti.  I passeggeri con sintomi sono stati evacuati ed ospedalizzati. Vedi anche nostre note del 05.02.2o20 ore 10:00, e 06.02.2020 ore 05:00 e 05.02.2020 ore 12:00

10.02.2020 – 00:20 – Comparazione tra epidemie per numero di decessi. L’epidemia di coronavirus 2019-nCoV ha fatto più vittime in un mese (circa 900 con il metodo di calcolo indicato in calce) che la MERS in 98 mesi. Ebola in 37 mesi ha causato 11.325 morti con un tasso valore mensile inferiore a quello del coronavirus.

09.02.2020 – 23:20 – Bilancio attualizzato alle 23:20 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +904 morti e +40134 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

08.02.2020 – 23:30 – Bilancio attualizzato alle 23:30 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +806 morti e +37111 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

08.02.2020 – 12:00 – Scopri tutte le false affermazioni, fake news sul Coronavirus 2019-nCoV http://bit.ly/2Ss4Yqt

08.02.2020 – 11:00 – Un articolo pubblicato sul Journal of Hospital Infection il 06.02.2020 intitolato “Persistence of coronaviruses on inanimate surfaces and its inactivation with biocidal agents” fa il punto su alcuni elementi.
Il periodo di incubazione nell’infezione tra umani è compreso tra 2 e 10 giorni. Il coronavirus, a temperatura ambiente, se all’interno di goccioline su superfici lisce (come metalli, plastiche, vetro) può perdurare fino a 9 giorni e può essere distrutto mediante l’ordinaria disinfezione operata con ipoclorito di sodio (varechina o candeggina) allo 0.1%, alcol etilico (62-71%) o  acqua ossigenata (allo 0.5%).
Al momento non ci sono altre norme, se non quelle igieniche prescritte da WHO, per il contenimento della diffusione del virus.
Da leggere questo articolo di AGI sulla persistenza in vita del virus su oggetti.

08.02.2020 – 10:00 – Completato anche l’ospedale Leishenshan da 1500 posti.

07.02.2020 – 23:30 – Bilancio attualizzato alle 23:30 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +719 morti e +34375 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

07.02.2020 – 18:00 – Nel sito di Complexity Education Project dell’Università di Perugia è apparso questo interessante articolo intitolato “Reti ed epidemie: quando il gioco si fa serio”

07.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 00:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +635 morti e +30814 casi accertati.  Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati. Di seguito infografica aggiornata e andamento dell’epidemia con Modello predittivo di Emergenza24 nCoV24.

06.02.2020 – 12:00 – Sarebbero 35 gli italiani (di cui 25 membri d’equipaggio) a bordo della nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non era stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati +20 casi sospetti di infezione da coronavirus. (vedi nostra nota del 05.02.2020 – 10:00)

06.02.2020 – 12:00 – Repubblica pubblica la notizia della morte di del medico Li Wenliang (vedi nostra nota 01.02.2020 – 14:00). La notizia è riporta dal Global Times, giornale cinese in lingua inglese.

06.02.2020 – 05:00 – Ancora al largo del porto di Yokohama in Giappone la nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival a cui non era stato permesso l’attracco. Tra tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), sono saliti a +20 i casi sospetti di infezione da coronavirus. (vedi nostra nota del 05.02.2020 – 10:00)

06.02.20202 – 02:20 – Il Ministero della Salute Cinese ha ripubblicato la press release del 06.02.2020 precedentemente cancellata. Non ha fornito spiegazioni in merito.

06.02.2020 – 01:10 – Il Ministero della Salute Cinese ha cancellato la press release del 06.02.2020 senza darne spiegazione. Sotto le immagini prima e dopo. Attendiamo la nuova versione. Restano al momento validi i numeri forniti nei nostri precedenti lanci.

06.02.2020 – 00:00 – Bilancio attualizzato alle 00:00 italiane (UTC+1) con integrati i dati del Ministero della Salute Cinese. Il numero delle vittime complessivo è salito a +565 morti e +28266 casi accertati. Solo in Cina sono segnalate +3859 pazienti in condizioni gravi. Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati.

05.02.2020 – 23:00 – Il numero delle vittime è salito a +564 e +27613 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

05.02.2020 – 22:30 – Andamento dei casi confermati e decessi. Modello di Emergenza24 (denominato nCoV24) attraverso elaborazione dei dati del Ministero della Salute Cinese, WHO, fonti stampa e giornalistiche. Il modello ha dimostrato il 05.02.2020 una straordinaria efficienza con un errore nel numero dei casi del +/- 0,04% e per i decessi del +/- 0,75%

05.02.2020 – 15:00 – Domani 06.02.2020 sarà completato il secondo ospedale da campo denominato Leishenshan da circa 1700 posti letto. Serviranno alcuni giorni per poter essere utilizzato. Si aggiunge all’altro ospedale provvisorio (vedi nostra nota 02.02.2020 – 03:30) denominato Huoshenshan (da 1000 posti letto). In questo modo sarà definita la struttura promessa nel mese di gennaio dal Ministro della Sanità Cinese con una disponibilità complessiva di circa 2700 posti letto, ben distante dai 10.000 indicati dai media italiani.

05.02.2020 – 10:00 – Alla nave da crociera Diamond Princess del gruppo Carnival non è stato permesso l’attracco al porto di Yokohama in Giappone dopo che tra le 3700 persone a bordo, tra passeggeri (2700) ed equipaggio (1000), erano stati riscontrati +10 casi sospetti di infezione da coronavirus. I test è stato svolto su 31 passeggeri e sono in corso verifiche su altri. I passeggeri con sintomi sono stati evacuati ed ospedalizzati. Siamo in attesa di verifica dell’eventuale presenza di italiani a  bordo.

05.02.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +492 e +23865 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

04.02.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +426 e +20626 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

03.02.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +361 e +16758 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

02.02.2020 – 22:30 – Quello che avevamo scritto il 29.01.2020 lo ribadisce ora anche Mantellini

02.02.2020 – 16:00 – Il dato dei decessi in Cina non è stato aggiornato ma quello globale ed è salito a +305 (+304 in Cina e +1 nelle Filippine) + 14642 i casi confermati.

02.02.2020 – 04:00 – Filippine: prima vittima fuori dalla Cina. Un cittadino cinese (44 anni) arrivato nelle Filippine il 25.01.2020 e subito ricoverato è morto nelle scorse ore.

02.02.2020 – 03:30 – Conclusi i lavori del primo ospedale Huoshenshan da 1000 posti letto. Doveva essere da 2500 posti letto secondo le informazioni fornite dal Ministero della Sanità Cinese (vedi nostra nota del 29.01.2020 – 08:00)

02.02.2020 – 02:00 – Video del completamento del primo ospedale.

02.02.2020 – 01:00 – Aggiornamento riferito ai casi di coronavirus delle ore 00:00 del 02.02.2020 ora di Pechino da parte del Ministero della Salute Cinese – Il numero dei contagi  SOLO IN CINA è di +14.380 casi accertati, +304 morti, +19.544 casi sospetti. 328 pazienti sono stati dimessi in quanto guariti.
NOTA BENE: il numero dei guariti indicato non è il totale ed il dato completo sarà disponibile solo tra alcune settimane. Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati.

02.02.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +304 e +13950 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

01.02.2020 – 14:00 – Repubblica parla del medico Li Wenliang che nella sera del 30.12.2019, ovvero poche ore prima della comunicazione da parte della Cina alla WHO dei casi di epidemia di polmonite, avrebbe pubblicato in Wechat un post in cui raccontava di 7 casi di polmonite dovuti alla SARS violando l’obbligo di riservatezza professionale.
L’autore dell’articolo su Repubblica prima dice che Li Wenliang sarebbe stato arrestato e poi, nello stesso articolo spiega invece che lui ed altri 7 medici sarebbe stati convocati dalla polizia e sarebbero stati “rimproverati”, non arrestati.

01.02.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +259  e +11337 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

31.01.2020 – 23:00 – Confronto tra 2019-nCoV e SARS

31.01.2020 – 22:40 – Stati Uniti. Sono saliti a 7 i casi confermati di coronavirus (3 California, 2 Illinois, 1 Arizona, 1 nello stato di Washington.

31.01.2020 – 22:40  – Esattamente un mese fa, alle 22:40 del 31 Dicembre 2019 abbiamo dato, per primi, la notizia di una possibile epidemia di polmonite a Wuhan in Cina.
Emergenza24 è operativa H24, 7 giorni su 7, per dare informazioni verificate e argomentate. Lo facciamo dal 2012 grazie a tutti i nostri corrispondenti e collaboratori.

31.01.2020 – 22:30 – Gli Stati uniti hanno dichiarato lo Stato di Emergenza Sanitaria per il rischio di coronavirus.

31.01.2020 – 22:00 – Prezioso articolo su The Lancet – Nowcasting and forecasting the potential domestic and international spread of the 2019-nCoV outbreak originating in Wuhan, China: a modelling study

31.01.2020 – 21:30 – Video del Capo del Dipartimento di Protezione Civile dopo il Comitato Operativo

31.01.2020 – 19:00 – Aeroporto Carry-le-Rouet, Marsiglia-Provenza, Francia. Negativi i test sui due passeggeri che erano in osservazione da subito dopo l’atterraggio e che provenivano da Wuhan.

31.01.2020 – 14:30 – Regno Unito. Confermati 2 casi di positività a coronavirus nella stessa famiglia dopo un viaggio in Cina. Sono stati trasferiti da York a Newcastle.

31.01.2020 – 14:10 – Oltre ai due pazienti di cui si è data notizia ieri, altre 12 persone sono ricoverate in osservazione all’Istituto Spallanzani di Roma.

31.01.2020 – 14:00 – Aeroporto Carry-le-Rouet, Marsiglia-Provenza, Francia. Due passeggeri provenienti da Wuhan sono stati sottoposti ad accertamenti per verificare la positività al coronavirus dopo che hanno presentato sintomi compatibili.

31.01.2020 – 13:40 – Germania. Sono saliti a 5 i casi di  coronavirus. I primi 4 sono riferiti ad una stessa impresa in Baviera. L’ultimo caso è figlio di uno dei pazienti già ricoverati.

31.01.2020 – 13:30 – Terminato del Consiglio dei Ministri. Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha deliberato lo stanziamento dei fondi necessari all’attuazione delle misure precauzionali conseguenti alla dichiarazione di “Emergenza internazionale di salute pubblica” da parte della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).È stato conseguentemente deliberato lo stato d’emergenza, per la durata di sei mesi, come previsto dalla normativa vigente, al fine di consentire l’emanazione delle necessarie ordinanze di Protezione Civile. (fonte)

31.01.2020 – 12:00 – Il governo di Hong Kong ha deciso di chiudere tutte le scuole almeno fino al 02.03.2020

31.01.2020- 11:00 – Sospesi tutti i collegamenti aerei tra Italia e Cina. (fonte)

31.01.2020 – 04:00 – Dati a livello globale +9810 (di cui +118 fuori dalla Cina), +213 morti, +15238 casi sospetti, +102.400 persone in quarantena o in osservazione

31.01.2020 – 04:00 – Aggiornamento riferito ai casi di coronavirus delle ore 00:00 del 31.01.2020 ora di Pechino ovvero le 17:00 italiane del 30.01.2020 da parte del Ministero della Salute Cinese – Il numero dei contagi  SOLO IN CINA è di +9692 casi accertati, +213 morti, +15238 casi sospetti, +102.400 persone in quarantena o in osservazione. Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati.

31.01.2020 – 00:00 – Il numero delle vittime è salito a +212  e +9100 i casi accertati. Siamo in attesa dei dati ufficiali del Ministero della Salute Cinese.

30.01.2020 – 22:20 – Il premier Giuseppe Conte ed il Ministro della Salute Roberto Speranza in conferenza stampa a Palazzo Chigi informano che due turisti cinesi (M66 F67) arrivati in Italia all’aeroporto di Malpensa il 23.01.2020, dopo alcune tappe, e che  soggiornavano in un Hotel a Roma, sono positivi al coronavirus e ricoverati (dal 29.01.2020) all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.

30.01.2020 – 21:00 – La World Health Organization ha dichiarato lo stato di Public Health Emergency of International Concern (PHEIC) ovvero Emergenza sanitaria a livello internazionale. La dichiarazione avviene quando ci si trova in uno stato potenzialmente grave. Ogni paese dovrà adottare misure precauzionali per impedire la diffusione del virus.

30.01.2020 – 18:00 – Secondo Repubblica il governo cinese non avrebbe preso alcuna precauzione tra il 10 ed il 20 gennaio per impedire la diffusione del virus. Questo è falso: l’attivazione nazionale era stata fatta il 31.12.2019 come indicato nella nostra nota del 31.12.2019 – 06:38

30.01.2020 -16:00 – Civitavecchia, Roma. Negativi i test per coronavirus 2019-nCoV su passeggeri Costa Smeralda.

30.01.2020 – 08:00 – In corso accertamenti medici su due persone che presentano sintomi di influenza e arrivate all’aeroporto di Malpensa, Milano, il 25.01.2020 da Hong Kong. Successivamente sono salite a Savona a bordo della nave da crociera Costa Smeralda che alle 07:12 del 30.01.2020 è arrivata al porto di Civitavecchia dopo aver fatto tappa a Marsiglia, Barcellona e Palma di Maiorca. Gli accertamenti riguardano anche i 6000 passeggeri e l’equipaggio della nave. Le due persone sono state ricoverate all’Ospedale Spalanzani.

30.01.2020 – 04:00 – Aggiornamento riferito ai casi di coronavirus delle ore 00:00 del 30.01.2020 ora di Pechino ovvero le 17:00 italiane del 29.01.2020 da parte del Ministero della Salute Cinese – Il numero dei contagi  SOLO IN CINA è di +7711 casi accertati, +170 morti, +12167 casi sospetti, +82.000 persone in quarantena o in osservazione. Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati.

30.01.2020 – 00:00 – Il numero dei contagi  è di +7260 casi accertati, +170 morti, +9239 casi sospetti, +60.000 persone in quarantena o in osservazione. Health Emergency Office Cinese offre dati diversi rispetto a quelli di alcune agenzie stampa occidentali per l’utilizzo di orari differenti di rilascio dei dati.

29.01.2020 – 08:00 – Facciamo chiarezza sul presunto ospedale da 10.000 posti di cui parlano i giornali italiani. Si tratta in realtà di due ospedali DA CAMPO, temporanei, in grado di ospitare rispettivamente 2000 letti (disponibile presumibilmente dal 03.02.2020) denominato Leishenshan, e 2500 letti (disponibile presumibilmente dal 05.02.2020) denominato Huoshenshan. I lavori sono iniziati il 24.01.2020. Il numero dei posti letto è stato aggiornato dalle autorità cinesi il 27.01.2020 indicando un totale di 2500 posti (1000+1500). Insomma, due normali ospedali da campo.

29.01.2020 – 01:00 – Il numero dei contagi  è di +5578 casi accertati, +131 morti, +24.000 persone in quarantena

28.01.2020 – 10:00 – Il numero dei contagi  è di +4650 casi accertati, +24.000 persone in quarantena, sono confermati +106 morti.

28.01.2020 – 01:00 – Confermato il primo caso di contagio da 2019-nCoV in Germania.

27.01.2020 – 20:00 – Il numero dei contagi (al 26.01.2020) è di +2903 casi accertati, +2684 casi sospetti, +24.000 persone in quarantena, sono confermati +82 morti.

26.01.2020 – 20:00 – Il numero dei contagi (al 25.01.2020) è di +1975 casi accertati, +2684 casi sospetti, +24.000 persone in quarantena, sono confermati +56 morti.

25.01.2020 – 20:00 –  Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +2684 casi sospetti, +1975 casi confermati, +56 morti

24.01.2020 – 23:00 – Terzo caso confermato in Francia (3 in Europa)

24.01.2020 – 20:00 –Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +1965 casi sospetti, +1287 casi confermati, +41 morti

24.01.2020 – 18:00 – Sono 2 i casi accertati in Francia (primi in Europa)

Rilasciato il documento preliminare sul genoma del virus – Preliminary phylogenetic analysis of 11 nCoV2019 genomes, 2020-01-19

23.01.2020 – 20:00 – Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +1072 casi sospetti, +830 casi confermati, +25 morti

22.01.2020 – 20:00 – Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +257 casi sospetti, +571 casi confermati, +17 morti

22.01.2020 – Secondo fonti giornalistiche le vittime sarebbero +17 e 440 i casi totali. Nell’area di Wuhan dalle 03:00 italiane del 23.01.2020 saranno sospesi i mezzi pubblici, interruzioni parziali dell’aeroporto e stazioni ferroviarie.

21.01.2020 – 20:00 – Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +37casi sospetti, +330 casi confermati, +9 morti

21.01.2020 – La situazione aggiornata è di +291 casi e +6 morti. I paesi coinvolti sono Cina, Thailandia, Giappone Corea del Sud. È in corso si valutazione un caso negli Stati Uniti.  Il Post dedica un articolo sull’argomento.

20.01.2020 – 20:00 – Dati aggiornati alla data di ieri. Ci sono +54 casi sospetti, +291 casi confermati, +6 morti

20.01.2010 – European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) ha elevato il rischio a “moderato). Si conferma che i casi riscontrati in Thailandia e Giappone sono persone che avevano viaggiato da Wuhan, Hubei in Cina.  Sono state avviate procedure di controllo anche negli aeroporti.

16.01.2020 – Non è accertata la trasmissione human-to-human del virus anche se è fortemente probabile (ECDC).

15.01.2020 – 14:00 – Laboratory testing for 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) in suspected human cases Interim guidance – Document (EN)

01.01.2020 – 00:00 – Emergenza24 segue in tempo reale ogni aggiornamento da parte di WHO, Ministero della Salute Cinese, fonti scientifiche cinesi e internazionali, organizzazioni indipendenti e media. I dati da noi elaborati così come i modelli previsionali sono resi disponibili in tempo reale ai partecipanti al progetto gratuito trust24.

31.12.2019 – La Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan ha segnalato all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dei casi di polmonite di origine ignota. Lo stesso giorno Emergenza24 dedica al caso una segnalazione. I casi segnalati sono relativi a persone che frequentavano il mercato ittico ed alimentare.

31.12.2019 – 06:38 – La Commissione per la Salute del Municipio di Wuhan ha rilasciato alle 13:38 ora di Wuhan (GMT+8) del 31.12.2019 ovvero le 06:38 italiane del 31.12.2019 una nota sulla situazione di epidemia di polmonite. Nel documento si dice che a seguito delle segnalazioni da parte di alcune istituzioni mediche di numerosi casi di polmonite virale la Commissione ha disposto una indagine così riassunta: sono 27 i casi individuati di cui 7 in gravi condizioni e gli altri in situazioni stabili. I pazienti presentavano febbre, difficoltà respiratorie, pneumopatie infiltrative diffuse. Tutti i pazienti sono in isolamento e la Commissione è in contatto con esperti epidemiologi e virologi dell’Ospedale Tongji di Shanghai, dell’Istituto di Virologia di Wuhan, Accademia delle Scienze Cinese, Ospedale delle malattie infettive di Wuhan, Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di Wuhan.
Secondo le analisi epidemiologiche e i test preliminari si ritiene che siano polmoniti virali.
Non sono documentati casi di trasmissione da uomo a uomo, così come trasmissione a personale sanitario. Il documento originale è disponibile a questo indirizzo (copia permanente).

FONTI

  • CNN – Coronavirus live coverage
Questa voce è stata pubblicata in epidemia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.